Domande frequenti

CLASSI

Qual è il rapporto insegnante/bambini?

Ogni insegnante fa lezione a massimo 10 bambini.

Come vengono formate le classi?

I bambini vengono divisi per livello di conoscenza linguistica. Il primo giorno di lezione viene sottoposto ai bambini un test, per valutare il livello e formare i gruppi.

I bambini parleranno in inglese tutto il giorno?

Gli insegnanti, rigorosamente madrelingua, seguiranno i ragazzi in tutte le attività spingendoli e motivandoli ad usare l’inglese sia in classe che durante le attività ricreative, in maniera naturale e senza costrizioni. Durante le lezioni della mattina, l’unica lingua permessa sarà l’inglese.

LE ATTIVITA’

Quali sono le attività svolte nel campo estivo?

Clicca qui per visualizzare la lista completa delle attività.

GLI INSEGNANTI

Gli insegnanti sono madrelingua?

Gli insegnanti sono tutti madrelingua e spesso vengono da nostre sedi estere. Il Direttore campo, che è bilingue e parla perfettamente sia italiano che inglese, sarà a disposizione dei bambini e dei genitori per ogni necessità.

Gli insegnanti sono qualificati?

Certamente, sono insegnanti Berlitz. Tutti hanno una provata esperienza con i bambini ed hanno effettuato training specifici per prepararsi ai campi estivi.

L'ALLOGGIO

Come vengono preparate le stanze?

I bambini vengono sistemati con persone del loro stesso sesso e della stessa età, in camere da 4 posti-letto.

Può mio figlio stare in camera con un fratello o un amico?

Certamente. Nel modulo di iscrizione chiediamo espressamente se i ragazzi vogliono stare in camera con qualcuno.

Cosa mangiano?

I ragazzi mangiano cibi nutrienti e gustosi, adatti alla loro età. La cucina è prettamente umbra, propone menù semplici ed appetitosi.

Cosa succede se un bambino soffre di intolleranze alimentari?

E’ importante segnarlo al momento dell’iscrizione, in modo da permettere all’albergatore di prevedere menù alternativi.

TRASFERIMENTO AL CAMPO

Possiamo accompagnare noi direttamente al campo i bambini?

Noi lo sconsigliamo in quanto i bambini cominciano a conoscersi e a conoscere gli insegnanti già durante il viaggio. E’ per loro il primo impatto con l’avventura che stanno per cominciare.

Dove e a che ora dobbiamo accompagnarli ai punti di ritrovo?

Vi verrà inviato un documento contenente tutte le informazioni prima della partenza.

Ci sono degli accompagnatori?

Certamente, sia da Milano che da Roma e in genere sono gli stessi tutor dei ragazzi: un modo per imparare a conoscersi. Sono ovviamente proporzionati al numero dei bambini da accompagnare.

E’ possibile non pagare il trasfer se li accompagniamo noi?

No, non è possibile scorporare il prezzo del trasferimento. Inoltre il servizio aggiuntivo è gratuito e offerto da Berlitz se si parte da Roma. Su richiesta è possibile partire da Milano al prezzo di 150 €.

CONTATTI

Come potrò contattare mio figlio durante il campo?

Si può telefonare ai ragazzi la mattina, dalle 7.30 alle 8.30, chiamandoli direttamente sul cellulare o telefonando all’hotel o al direttore campo. Il recapito del direttore campo verrà comunicato a tutte le famiglie prima della partenza.

Perché posso contattarlo solamente un’ora la mattina?

Ci sono più ragioni: la prima è evitare che i bambini perdano/distruggano il cellulare durante le molteplici attività della giornata. La seconda è che vogliamo favorire il più possibile l’integrazione tra i ragazzi, sia tra partecipanti, che con gli insegnanti e con il direttore campo.

Cosa posso fare se devo contattare urgentemente mio figlio in un orario diverso da quello indicato?

Può contattare direttamente il direttore campo, che parla italiano ed è reperibile per tutta la durata del campo attraverso un cellulare. Il recapito del direttore campo verrà comunicato a tutte le famiglie prima della partenza.

VISITE DEI GENITORI

Possiamo venire a trovare i nostri figli durante il campo?

Noi sconsigliamo di venire a trovare i vostri figli durante il soggiorno, specie i più piccoli, perché la vostra visita potrebbe aumentare la mancanza di casa e della “mamma”. Spesso è più un’esigenza dei genitori che un reale bisogno dei bambini, che si divertono con i coetanei. Inoltre, molti dei bambini vengono da località troppo distanti dal campo e non possono ricevere la visita dei genitori, sarebbe quindi ingiusto nei loro confronti.

Possiamo alloggiare nella stessa struttura dei nostri figli durante la loro permanenza?

No, per i motivi detti sopra.

Possiamo vedere la struttura prima della partenza?

Certamente, potete trovare sul sito l’indirizzo dell’Hotel e prenotare direttamente una camera per un piacevole weekend.

MALATTIE ED INFORTUNI

Cosa succede se mio figlio si ammala o si ferisce durante il campo?

Il direttore campo chiamerà un dottore e in casi più seri porterà il ragazzo in taxi o con un’ambulanza all’ospedale più vicino. I genitori verranno tempestivamente avvisati. In caso di malattie contagiose, i genitori dovranno riprendere il bambino il prima possibile. La polizza assicurativa, compresa nella quota di iscrizione, coprirà le spese effettuate.

Cosa succede se mio figlio non può più partire?

Vi preghiamo di leggere attentamente le istruzioni riportate nella polizza annullamento allegata al modulo di iscrizione e di inviare nei tempi previsti quanto richiesto. BERLITZ NON POTRA’, PER MOTIVI LEGATI ALLA PRIVACY, AIUTARVI NEL DISBRIGO DI TALI PRATICHE.

VARIE

Quanti soldi dare a mio figlio prima della partenza?

Cibi e bevande sono comprese nel prezzo, per cui i bambini non hanno bisogno di soldi. Nel caso volessero acquistare gelati, bevande extra e comprare un ricordino per i genitori, consigliamo di non portare più di 50€ per il campo di una settimana, il doppio per 15 giorni. Tali soldi potranno essere consegnati al direttore campo e i ragazzi potranno andare alla “Camp bank” per riscuotere l’importo giornaliero, che non potrà essere superiore ai €5.

Chi mi dirà cosa mettere nella valigia di mio figlio?

I genitori riceveranno prima della partenza un documento con tutte le informazioni utili, contenenti informazioni per il viaggio, chi contattare e come, cosa mettere nella valigia, ecc.

Perché è vietato portare tablet e videogiochi?

Il primo motivo è che i nostri campi estivi sono occasioni sia di apprendimento che di socializzazione. Inoltre, se una volta in camera i ragazzi usano questi dispositivi il nostro staff non può controllare né il tempo di utilizzo né i contenuti visualizzati. Senza contare che quello che magari è permesso ad un ragazzo, potrebbe non esserlo per un altro.

Perché è sconsigliato l’uso di smartphone?

Uno smartphone permette non solo di telefonare, ma di collegarsi ad internet e fare foto. In nemmeno un minuto un partecipante potrebbe scattare una foto e postarla su un social network, senza magari tener conto di chi è il soggetto della foto. I ragazzi spesso non pensano che uno scherzo che a loro può sembrare innocente potrebbe non esserlo per chi lo subisce. E così come per i tablet, una volta in camera per lo staff è impossibile controllare se il ragazzo sta navigando in internet, quali siti visita, ecc.